CHEF GABRIELE ANDREONI

Chef
”Gurdulù” - Firenze

Gabriele Andreoni è nato a Fiesole (Firenze) nel 1981.

Dopo aver frequentato il liceo scientifico e l’Università di Agraria (periodo in cui ha lavorato come cameriere), ha cominciato a muovere molto presto i suoi primi passi in cucina. Dopo mesi di esperienza in sala, che gli hanno permesso di capire quale fosse la sua strada, Gabriele Andreoni ha affiancato numerosi professionisti in ristoranti famosi e di pregio, lavorando con chef del calibro di Giancarlo Perbellini, maestro di tecnica e umiltà; Mauro Colagreco, il rispetto e la padronanza assoluta con la cucina a base di verdure e pesce; Heinz Beck, rigore tedesco e romanesca convivialità; Fabio Barbaglini, la passione smisurata per le carni; Paolo Lopriore e Andrea Berton.

Dopo aver frequentato l’ALMA-Scuola di Cucina è tornato in Toscana, a Firenze, e dal 2017 è Chef del ristorante “Gurdulù”, nel quartiere Santo Spirito, dove propone una cucina fatta di tecnica e creatività.

La sua ricetta con i prodotti De Carlo:

UOVO ALLA SOIA, AGRETTI, OLIVE LECCINE E LIMONE

Ingredienti per 4 persone

  • 4 uova biologiche
  • 250 ml salsa di soia
  • 250 ml acqua
  • 200 gr agretti
  • 50 gr olive leccine denocciolate De Carlo
  • 1 limone
  • olio EVO “di Felice Garibaldi” De Carlo
  • fior di sale

Procedimento

Cuocere le uova per 6 minuti in acqua bollente e raffreddarle immediatamente in acqua e ghiaccio. L’uovo dovrà risultare con l’albume rappreso e il tuorlo liquido.

Preparare una salamoia di acqua e salsa di soia e portarla a 61°. Immergervi le uova precedentemente sgusciate finché non risulteranno di colore brunito.
Disidratare le olive leccine denocciolate De Carlo per qualche minuto in microonde alla massima potenza cosicché diventino croccanti.

Pulire gli agretti e sbollentarli in acqua salata, per pochi secondi.
Condire gli agretti con olio EVO “di Felice Garibaldi” De Carlo, fior di sale e succo di limone.

Sistemare nel piatto di portata gli agretti, adagiare l’uovo barzotto e cospargerlo con le olive leccine De Carlo disidratate e scorza di limone

TORNA AGLI AMBASCIATORI